Turismo in Liechtenstein Visitare Liechtenstein, una guida alle città da visitare e al turismo in Liechtenstein

Storia Liechtenstein

Nel 1699 il principe Johann Adam del Liechtenstein acquistò il dominio di Schellenberg e, nel 1712, la contea di Vaduz. L'acquisizione di questi due territori era funzionale al suo desiderio di ottenere un seggio nel governo del Sacro Romano Impero. Il 23 gennaio 1719 l'Imperatore Carlo VI decretò che le contee di Vaduz e Schellenberg venissero promosse allo status di Principato con il nome di Liechtenstein, come riconoscimento per i servigi di Anton Florian del Liechtenstein.

Il Liechtenstein divenne uno stato sovrano nel 1806. Nel 1868 è stato sciolto l'esercito, per motivi finanziari. Fino alla fine della Prima Guerra Mondiale fu strettamente legato all'Austria, ma la devastazione economica causata dal conflitto costrinse la nazione a stringere un'unione monetaria e doganale con la Svizzera.

Gli anni seguenti la Prima Guerra Mondiale furono per il Liechtenstein importanti:

* nel 1921 fu varata la nuova Costituzione;

* nel 1923 entrò in Unione Doganale con la Svizzera;

* nel 1924 introdusse come propria valuta il Franco Svizzero.

Questo periodo fu marcato da due gravi eventi:

* nel 1927 una terribile inondazione, che mise a dura prova l’economia del Paese;

* nel 1928 il fallimento della "Sparkasse" (Cassa di Risparmio) del Liechtenstein, che azzerò le riserve del locale Ministero del Tesoro.

Il Liechtenstein fu finanziariamente rovinato e pesantemente indebitato con la Svizzera. Subito dopo fu varata una legislazione che permise il segreto sui clienti e sui conti bancari. In Liechtenstein sorsero una miriade di aziende private, piuttosto sospette, che cavalcando il periodo d’euforia, nell’incertezza che caratterizzò il periodo del dopoguerra, dettero spazio ad una moltitudine di avventurieri e truffatori ed alle loro spregiudicate idee ed azioni finanziarie, che qualcuno vide solamente come facile raccolta di fondi.

Il Liechtenstein assecondò la più stravagante richiesta: quella della "Globocapital Company Inc." (attiva a Vaduz dal 1926 al 1930 [1]), che, oltre una comoda sovvenzione, richiese la cessione della proprietà di un territorio in cui esercitare la propria sovranità internazionale completa, e che doveva servire da base di lancio per una valuta internazionale, il "Globo", legato a valute estere ed all'oro. Il Governo di Vaduz approvò, malgrado le inefficienze evidenti dello schema proposto.

Il Volkspartei (Partito Popolare) affidò il Paese ad una Lotteria Nazionale gestita da alcuni finanzieri di New York.

In questo periodo, emerse una visione del Principato debole, in balia degli eventi che lo portò a diventare una sorta di "azienda riservata" piuttosto sospetta, che abusava della congiunture internazionali per arricchirsi e svilupparsi e recuperare il più possibile dal crack della valuta austriaca.

Fin dalla Seconda Guerra Mondiale, durante la quale il Liechtenstein rimase neutrale, il basso livello di tassazione ha prodotto un'impressionante crescita economica.

Bandiera Liechtenstein

Liechtenstein

  • Superficie: 32528
  • Capitale: Vaduz
  • Lingua: Tedesco
  • Ordinamento: Monarchia costituzionale
  • Prefisso telefonico: Liechtenstein
  • Targa: FL
  • Moneta: Franco svizzero

mappa Liechtenstein Mappa Liechtenstein